Seguici su

Vai menu di sezione

Collegamenti e potenziamento ciclabile della Valsugana

Le proposte dei comuni e della Comunità

Bieno: percorso ciclopedonale Lusumina

  • Al fine di completare i collegamenti fra i vari settori della strada che componeva la via Claudia Augusta Altinate, si ritiene necessario provvedere alla realizzazione di un tratto di sentiero che colleghi la frazione Lusumina con la zona posta a valle dell'abitato di Bieno e denominata delle Scalette. 
    Il nuovo accesso dovrà garantire il solo transito pedonale nonché quello di biciclette, al fine di garantire la sicurezza ai diversi utenti e cicloturisti che frequentano la zona del Tesino e Bieno e che risultano attratti dal percorso della via Claudia Augusta.
    Tale sentiero di collegamento servirà, inoltre, per "chiudere" a mo' di ipotetico cerchio una delle passeggiate più apprezzate dai censiti e turisti, ovvero quella di Lasta e Castrozze.

    Importo richiesto: Euro 150.000

Borgo Valsugana/Castelnuovo: Bike Park Valsugana

  • Realizzazione di un Bike Park presso il Centro sportivo di Borgo Valsugana con riqualificazione naturalistico ambientale di aree degradate (ex discariche) e dell’alveo di confluenza tra il fiume Brenta e il torrente Moggio, con collegamento dell’impianto alla già esistente pista ciclabile della Valsugana. Il Bike Park è un complesso integrato per le attività del ciclismo, comprendente ciclodromo, piste per RMX, mountain bike, ciclocross e cicloturismo, con la sola esclusione delle attività che si praticano nei velodromi. Da sottolineare che la realizzazione del complesso integra la già importante offerta del Centro sportivo di Borgo Valsugana ed è un’occasione di recupero di zone degradate, quali le cave dismesse. In sostanza la collocazione proposta si presta perfettamente allo scopo, sia per le caratteristiche tecniche che deve possedere la struttura sia per i costi di realizzazione assai contenuti. Per quanto riguarda la pista per il mountain bike, la presenza di saliscendi, dossi, pendenze assai ripide rende la struttura adatta anche per le competizioni. Da sottolineare infine che anche i Bike Park, come del resto le altre tipologie di impianti per il ciclismo, saranno organicamente collegati con il sistema di itinenari di cui al relativo Piano nazionale. Accanto al Bike Park si potrà realizzare uno spazio destinato alla promozione dei prodotti agricoli e di allevamento della Valsugana e un punto di ristoro a km zero, nell’ottica di recupero, valorizzazione e promozione del territorio. (Comuni di Borgo Valsugana e Castelnuovo).

    Importo richiesto: Euro 600.000

Comunità Valsugana e Tesino: collegamento ciclabile con il Tesino

  • L’accordo di partenariato 2014-2020 per l'impiego dei fondi strutturali e di investimento europei prevede per la Strategia Nazionale delle Aree Interne un Progetto pilota del Tesino per la realizzazione di una pista ciclopedonale (TESINO Ring). La costruzione di una pista ciclopedonale del Tesino non può prescindere da un collegamento dell'altipiano con la ciclabile della Valsugana. La Comunità Valsugana e Tesino propone dunque di realizzare questo collegamento, propedeutico agli interventi del progetto Aree interne del Tesino, attraverso la costruzione di alcuni tratti di pista ciclopedonale e per mountain bike da collegare e utilizzare in promiscuità a strade comunali esistenti. Lo sviluppo complessivo del nuovo tracciato, comprensivo delle strade comunali esistenti è di circa 5380 metri: dal ponte sul torrente Chieppena nel Comune di Castel Ivano (frazione di Ivano Fracena) e la ciclabile del Tesino nel Comune di Bieno.

    Importo richiesto: Euro 600.000

Grigno: strada degli altipiani

  • Si intende procedere con degli ulteriori interventi di "messa in sicurezza" della strada che collega l'altipiano di Marcesina, popolato di malghe, un rifugio escursionistico e altri edifici di proprietà comunale.La strada rappresenta una importante valorizzazione e completamento della pista ciclabile della Valsugana in quanto notevolmente apprezzata dai ciclisti nel periodo estate/autunno. Infatti la viabilità si snoda per 12 chilometri con un dislivello di circa 1000 metri, sviluppando 19 tornanti e per lunghi tratti avendo pendenza costante. La strada "degli Altipiani", realizzata durante la prima guerra mondiale, risulta ben descritta dal punto di vista storico nel libro di Luca Girotto "L'ultima strada dell'Impero" e il Comune di Grigno ne ha già proposto la valorizzazione attraverso l'esposizione di alcuni totem con le fotografie a testimonianza dei diecimila uomini che hanno partecipato alla sua realizzazione.

    Importo richiesto: Euro 300.000

Pieve Tesino: Percorso mountain bike Pieve Tesino/Castel Ivano

  • Il progetto prevede la realizzazione di un tratto di pista forestale in località Chieppena/Ravacena al fine di collegare il comune di Pieve Tesino con il comune di Castel Ivano. Questo collegamento permetterà ai bikers provenienti dalla Valsugana e in particolare dal comune di Castel Ivano percorrendo la strada forestale tipo B “Chieppena-Ravacena” di arrivare in loc. Pradellano (Pieve Tesino) e poter quindi accedere ai 160 km circa di percorsi mountain bike che verranno messi in opera nel corso del 2017 nei comuni del Tesino e Bieno. (Comune di Pieve Tesino).

    Importo richiesto: Euro 50.000

Ospedaletto: connessione ciclabile della Valsugana con il centro urbano

  • A oggi il paese di Ospedaletto non ha a disposizione un collegamento pedonale né ciclabile con la ciclabile di fondovalle che si trova sulla destra idrografica del fiume Brenta. Si possono prevedere due tratti che consentano l'accesso sia da ovest che da est. Si propone la realizzazione di un collegamento lungo via Barricata per chi giunge dalla direzione Bassano/Trento. Questa pedo-ciclabile inizierebbe all'altezza dell'incrocio tra via Barricata e via Prazzo per raggiungere il nuovo svincolo tra la SP 60 e la SS 47 per un totale di poco più di 700 metri. Da qui una strada comunale poco trafficata consentirebbe di raggiungere comodamente la ciclabile. Dalla direttrice Trento/Bassano invece si potrebbe costeggiare la SP 60 creando la pista ciclopedonale per metà sul lato a monte e per il resto sul lato a valle. Questo intervento prevede la sovracomunalità con Castel Ivano, visto che per metà il percorso si snoderebbe nel territorio di questo comune. L'intervento prevede scavi di sbancamento lungo la banchina della strada (lato destro a scendere) e la realizzazione del nuovo tracciato e la preventiva acquisizione delle aree interessate.

    Importo richiesto: Euro 250.000

Scurelle: connessione ciclabile della Valsugana con il centro urbano

  • A seguito della realizzazione della ciclabile di fondovalle molti sono stati i comuni che hanno richiesto il collegamento con la stessa, attraverso percorsi riservati al solo transito dei velocipedi e dei pedoni. Uno di questi percorsi è stato proposto dal Comune di Scurelle, assieme al Comune di Carzano, lungo la stradina arginale del Torrente Maso. Il percorso si snoda dal parco fluviale di Carzano attraverso l'argine destro fino al Ponte della Palanca. Qui la ciclabile si sposta in sponda sinistra fino all'ex ponte delle Carette, nei pressi della SS47. Il collegamento con la ciclabile di fondovalle da questa località è fattibile con due soluzioni. La prima prevede il passaggio della ciclabile oltre il nodo stradale della strada provinciale e della strada statale usufruendo dei sottopassi esistenti per il deflusso delle acque bianche e della roggia industriale di Scurelle; la seconda prevede l'innesto di questo percorso ciclabile nel nuovo marciapiede che dovrebbe essere realizzato a fianco della sede logistica EuroBrico per poi essere accompagnato con un sottopassaggio della SS47 fino alla stazione ferroviaria di Strigno. Da lì il percorso dovrebbe proseguire attraverso una strada di campagna esistente fino al ramale ciclopedonale che scende da Castel Ivano lungo l'argine destro del torrente Chieppena.

    Importo richiesto: Euro 400.000

Scurelle/Castelnuovo: Motopark Valsugana

  • Si propone la realizzazione di un’area attrezzata per la pratica sportiva del trial e del quad. La struttura completerebbe l’offerta delle strutture sportive della valle e in particolare del vicino centro sportivo di Borgo Valsugana e consentirebbe agli appassionati di poter disporre di spazi autorizzati e sicuri per la formazione e per l’organizzazione di eventi agonistici. La disponibilità dell’impianto consentirà inoltre l’addestramento dei volontari dei vigili del fuoco e del soccorso alpino interessati all'utilizzo di questi mezzi per le operazioni di loro competenza nei terreni impervi.
    La vicinanza con la pista ciclabile della Valsugana e con il Bike Park proposto dai comuni di Borgo Valsugana e Castelnuovo costituisce una valida integrazione e un forte valore aggiunto al progetto. (Comuni di Scurelle e Castelnuovo)

    Importo richiesto: Euro 150.000

Pagina pubblicata Martedì, 11 Aprile 2017 - Ultima modifica: Mercoledì, 03 Maggio 2017

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto