Seguici su

Vai menu di sezione

Valorizzazione della montagna a fini turistici

Le proposte dei comuni e della Comunità

Carzano: Valtrighetta / Telve, Telve di sopra e Carzano: collegamento rete elettrica Val Calamento

  • L'intervento si divide in due parti strettamente connesse:
    Valtrighetta: Il progetto riguarda i lavori di completamento dello stabile “Valtrighetta” da adibire ad albergo-bar-ristorante. L’edificio è necessario al rilancio turistico dell’asse del Manghen, dove si registra un forte passaggio di turisti durante la stagione estiva-autunnale. L’area di Valtrighetta è il centro di un’importante Oasi WVVF frequentata nel corso dell’intero anno. I lavori riguardano il completamento della parte interna dell’edificio: in particolare dell’impianto termico, elettrico e della ristrutturazione interna.

    Importo: Euro 477.020

    Collegamento rete elettrica val Calamento: I tre comuni di Telve, Telve di sopra e Carzano intendono presentare una proposta congiunta di progetto per la realizzazione dell’elettrificazione del tratto della Val Calamento che dalla zona Prati di Calamento arriva fino alla struttura di malga Valsolero. Questo intervento fa parte di un progetto complessivo messo in atto dai comuni per rilanciare l’attività turistica nella zona montana della val Calamento e risulta propedeutico ai successivi investimenti necessari alla realizzazione del progetto “Albergo rurale”. (Comuni di Telve, Telve di sopra e Carzano)

    Importo: Euro 400.000

Castel Ivano: palestra di arrampicata sportiva

  • L'intervento riguarda il completamento delle pareti di arrampicata interne della nuova palestra, la conclusione di finiture interne e dell'impiantistica dell'edificio, oltre alla realizzazione di un'area verde e a parcheggio a servizio del Centro Sportivo. La palestra ha un bacino di utenza che abbraccia non solo il territorio della Comunità di valle ma si propone a un territorio più ampio con un potenziale bacino di utenza provinciale e del nord Italia con particolare afferenza al vicino Veneto dove mancano strutture di questo tipo ma vi è particolare interesse alla disciplina dell'arrampicata. La struttura è stata studiata per le tre discipline dell'arrampicata sportiva (speed, lead, bulder), avvicinamento alla disciplina dell'arrampicata, formazione dei volontari del Soccorso Alpino dei vigili del fuoco volontari, collaborazioni scientifiche (SAT, MUSE, ecomusei, ecc.).

    Importo richiesto: Euro 462.312,25

Castello Tesino: Colle Sant'Ippolito

  • Vista l'importanza per il territorio del Tesino del percorso storico-naturalistico-turistico della via Claudia-Augusta Altinate si intende sistemare il percorso che dal Ponte Romanico sale verso il Colle di Sant'Ippolito e il percorso che parte dalla Frazione Coronini e che scende verso il Torrente Senaiga, collegandosi con il tracciato presente sul C.C. di Lamon. All'interno di questo progetto di sistemazione si intende inserire anche i lavori di recupero degli scavi archeologici del Colle di Sant'Ippolito.

    Importo richiesto: Euro 120.000

Cinte Tesino: parco avventura

  • Si propone la realizzazione di un parco avventura (acropark) nelle vicinanze degli impianti sportivi di Cinte Tesino. Il parco sarà attrezzato con differenti percorsi, per tutte le età e diversi tipi di agilità. Sarà inoltre adibito ad attività didattiche per scuole, associazioni sportive e operatori turistici.

    Importo richiesto: Euro 180.000

Comunità Valsugana e Tesino: Rete turismo/cultura/territorio

  • Il territorio della Valsugana orientale e del Tesino si caratterizza per una presenza importante di beni culturali e ambientali, di manifestazioni di rilievo e di poli museali minori e diffusi. Il punto di debolezza del sistema è dato dall’estrema frammentazione dell’offerta, che sconta la mancanza di una rete unitaria che, se attivata, costituirebbe una importante leva di promozione del territorio con finalità di uno sviluppo turistico e culturale complessivo.
    Con l’avvento di tecnologie di facile accesso e diffuse capillarmente presso la maggior parte delle persone, le strutture museali, i beni culturali e ambientali, gli enti locali hanno la possibilità di disporre di strumenti estremamente potenti per dare corpo a nuove possibilità e modalità di fruizione dei propri spazi espositivi e delle proprie attività. La tecnologia mobile possiede in particolare una serie di potenzialità, legate alla dimensione sociale, all’accessibilità e alla multimedialità, che ne fanno in prospettiva il fulcro di una nuova dimensione esperienziale della proposta culturale.
    Il progetto, proposto dalla Comunità in collaborazione con Arte Sella, si concentra sull’utilizzo di tecnologie mobili al fine di rendere i luoghi della cultura, i beni culturali e ambientali fruibili, con la possibilità di narrare ai visitatori le singole esperienze senza vincoli temporali e senza la necessità di operatori disponibili all’apertura, costituendo nel contempo un’offerta unitaria di indubbio valore. Le tecnologie legate all’uso degli smartphone, ovvero le APP a livello software, abbinate all’impiego di hardware dedicati (ad esempio, la tecnologia NFC, il bluetooth a basso consumo o altre tecnologie innovative), permetterebbero al visitatore di vivere un’esperienza inedita, che dall’immaterialità del software è in grado di trasformarsi in un percorso di visita concreto e strutturato.
    Con l’impiego di tali tecnologie di prossimità, il visitatore può accede al sito di interesse mediante una semplice combinazione hardware-software. Il sito è accessibile alla visita e alla valorizzazione dei siti ventiquattro ore su ventiquattro, essendo dotato di automatismi tali per cui l’utente, una volta installata l’apposita applicazione, possa accedere alla struttura, ai beni culturali e ambientali locali, eseguire e concludere una visita in assoluta autonomia, ricevere informazioni, il tutto assistito dalla tecnologia, anche per quanto riguarda l’offerta turistica (ristorazione, ricettività, ecc.).
    I vantaggi per il territorio sono evidenti: non vi è più la necessità di personale dedicato in orari di apertura non convenzionali, è possibile estendere la fruibilità e incrementare la qualità della visita intercettando un pubblico sempre più ampio, in particolare le fasce giovanili, già abituate a un uso quotidiano e massiccio della tecnologia (si pensi alle attuali procedura di imbarco automatizzate negli aeroporti, ai pagamenti tramite smartphone, ecc...).
    Il budget necessario all’attivazione e messa a regime del progetto comprende le risorse umane necessarie (una persona), l’infrastrutturazione dei beni locali per adeguarli alla fruibilità garantita dal sistema, la predisposizione degli strumenti informatici necessari e la promozione del progetto a livello nazionale.

    Importo richiesto: Euro 500.000

Comunità Valsugana e Tesino: Scuola alberghiera e alta formazione

  • L'Alta Formazione Professionale Istruzione Tecnica Superiore offre ai diplomati una nuova opportunità formativa alternativa al percorso universitario. Forma figure manageriali nell'ambito dell'organizzazione e della gestione di strutture ricettive, figure capaci di inserirsi da subito nel tessuto ricettivo e turistico e rispondere alle esigenze del mercato quali innovazione, professionalità, opportunità e occupazione. I percorsi formativi attivi nel Comune di Roncegno Terme sono: IV anno del Corso Tecnico della Ristorazione, “Cucina regionale italiana”, “Tecnico dei servizi “accoglienza sala bar”, Corso di Alta Formazione Professionale in “Hospitality Management”.
    E’ emersa la necessità di rafforzare la presenza dell’Istituto Alberghiero in Valsugana e Tesino alla luce della continua crescita avuta negli ultimi 8 anni attraverso l'individuazione di spazi più adeguati alle esigenze della Scuola.
    La proposta di intervento si concretizza nella richiesta alla Provincia di acquisire lo stabile "Villa Angiolina" per destinarlo a sede dell'istituto alberghiero. La Comunità Valsugana e Tesino, per dimostrare l’alto interesse alla presenza della scuola, si impegnerebbe attraverso una compartecipazione finanziaria alle spese di arredo.

    Importo richiesto: Euro 300.000

Novaledo: malga Broi

  • L'amministrazione comunale propone di eseguire interventi di manutenzione straordinaria di malga Broi per migliorarne la fruibilità e utilizzo: sostituzione della copertura e e dei serramenti, realizzazione di nuovo impianto fotovoltaico per la produzione di energia a servizio degli appartamenti.

    Importo richiesto: Euro 130.000

Roncegno Terme: colonia Trenca

  • L'edificio denominato "Colonia Trenca" è situato sulla montagna di Roncegno Terme a una quota di circa 1600m nei pressi dell'omonima malga. La struttura è in grado di ospitare circa 50 persone L'edificio è organizzato con locali destinati all'alloggio degli ospiti, cucina e sala mensa al livello superiore e con locali di servizio e spazi per attività comuni al piano inferiore. Da alcuni anni l'immobile non viene più utilizzato in quanto non risulta più adeguato alle normative vigenti: in particolare sono indispensabili degli interventi per adeguare gli impianti tecnologici e il locale cucina nonché altri interventi per razionalizzare gli spazi e rendere efficiente tutto l'edificio dal punto di vista energetico. Per questo tipo di strutture la richiesta è notevole in quanto non esistono molti immobili di tali dimensioni e già attrezzati per ospitare un consistente numero di persone, pertanto risultano molto ricercati da parte di parrocchie, gruppi scout e associazioni in genere per l'organizzazione di campeggi e raduni di ragazzi. Nei pressi della struttura transitano il sentiero Europeo E5 e l'ippovia della Valsugana. La colonia è raggiungibile tutto l'anno.

    Importo richiesto: Euro 250.000

Ronchi Valsugana: malga Prima busa

  • L'Amministrazione comunale di Ronchi Valsugana intende proporre la realizzazione di un acquedotto a uso potabile a servizio della struttura denominata "Malga Prima Busa" in c.c. Torcegno, di proprietà del Comune di Ronchi Valsugana. L'intervento risulta necessario a garantire i requisiti igienico-sanitari della struttura di tipo risto/ricettiva già presente presso detto complesso, ma a ora non utilizzata a tale scopo.

    Importo richiesto: Euro 140.500

« Precedente
1
2
Pagina pubblicata Martedì, 11 Aprile 2017 - Ultima modifica: Mercoledì, 03 Maggio 2017

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto