Vai menu di sezione

Linea inquieta. Tracce d'avanguardia nel contemporaneo: dall'Espressionismo alla nuova oggettività

Inaugura sabato 20 maggio alle 18 a Palazzo Ceschi, sede della Comunità Valsugana e Tesino, la mostra "Linea inquieta. Tracce d'avanguardia nel contemporaneo: dall'Espressionismo alla nuova oggettività". La mostra rimarrà aperta, con ingresso libero, fino al 24 giugno nei seguenti orari: dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00, il venerdì dalle 9.00 alle 12.00, il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00.

Linea inquieta. Tracce d'avanguardia nel contemporaneo: dall'Espressionismo alla nuova oggettività

Contatti

Telefono:
0461755513
Email:
Sito web:

Il progetto, proposto da ARCI del Trentino in collaborazione con la Comunità di valle, si propone come un esperimento che intende mostrare una panoramica sugli aspetti che interessarono il fenomeno delle “avanguardie storiche di inizio ‘900”, nel tentativo di individuare degli elementi di continuità affacciandosi allo scenario delle nuove generazioni nel campo dell’arte contemporanea.E’ scopo di tale indagine soprattutto il voler verificare la “persistenza della memoria”, e tentare di comprendere se il rapido avvicendarsi dei cambiamenti globali che in quest’epoca tagliano trasversalmente le varie generazioni, nella forma di una rapidissima evoluzione tecnologica, di una massificazione culturale assoggettata alla merce, sono in grado di annichilire le testimonianze della storia.Il progetto espositivo consiste in una serie di mostre itineranti realizzate con le opere di giovani artisti selezionati dal panorama italiano, invitati a dialogare con un’opera storicizzata, estratta dal più ampio contesto del movimento d’avanguardia via via affrontato.Un saggio critico tenterà di offrire al lettore e al visitatore della mostra un sintetico tracciato lungo il quale sarà più semplice comprendere il contesto entro il quale operavano gli artisti d’avanguardia, per porlo a confronto con le nuove sperimentazioni e ravvisarne così i legami, oppure le contraddizioni.La sede di Palazzo Ceschi di Borgo Valsugana è lieta di ospitare la prima tappa di questa esposizione che in seguito verrà presentata in altri luoghi del Trentino.Da alcuni anni Palazzo Ceschi ha aperto gli spazi della propria amministrazione all'arte, con lo scopo di rendere questi luoghi più abitati e familiari alla comunità per estendere il dialogo culturale.Il tema della prima esposizione è "Dall'Espressionismo alla nuova oggettività" e vede la partecipazione di Adriano Annino, Riccardo Badalà, Roberta Galbani, Gaia Gianardi, Stefano Grasselli e Ivano Parolini.Accanto alle opere in mostra dei giovani artisti, a mò di cardano di un motore sperimentale, viene presentata anche una litografia del grande artista Oskar Kokoschka: “Manege” del 1959.La mostra e il catalogo sono curati da Paolo Dolzan.

Costi
Gratuito
Tipologia di evento
torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Sabato, 20 Maggio 2017

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto